top of page

Nuove protagoniste: la musica di Midori Hirano

Aggiornamento: 28 dic 2021


Realizzata nel dicembre 2021, quest'intervista è la trascrizione integrale della mia conversazione con Midori Hirano, compositrice e producer nata a Kyoto e ora di stanza a Berlino.


L'intervista fa parte della serie di podcast "Brevi Storie • EMS Series" accolta dalle frequenze di USMARADIO e dedicata al passato, presente e futuro degli Electronic Music Studios: gli EMS sono ancora attivi? Chi ci lavora e come? La serie di podcast include una raccolta di interviste, suoni e musica per scoprire le eredità e i nuovi talenti degli EMS. A partire da gennaio 2022 sarà accompagnata da articoli di approfondimento da leggere su musicaelettronica.it.

Questa nuova serie inizia con 3 episodi in collaborazione con Heroines of Sound Festival e dedicati all'EMS di Radio Belgrado e al suo Synthi 100: restaurato grazie a Svetlana Maraš, il dispositivo musicale è stato utilizzato da Midori Hirano nella sua ultima composizione commissionata da Heroines Of Sound, festival berlinese diretto da Bettina Wackernagel.


La musica di Midori Hirano combina la strumentazione acustica con un ampio spettro di suoni elettronici, field recording ed elaborazione digitale.

A luglio 2021, Hirano ha presentato una delle sue ultime composizioni – Distant Symphony – a Heroines of Sound Festival: il brano è stato realizzato utilizzando un EMS Synthi 100 durante la sua residenza a Radio Belgrado, iniziativa promossa da Heroines of Sound e Radio Belgrado.


J. M. - Parliamo prima del tuo coinvolgimento con Heroines of Sound: come hai conosciuto questa istituzione musicale, e come è avvenuto il tuo coinvolgimento nella residenza artistica di Belgrado?


M. H. - Tutto è iniziato quando mi è stato chiesto da Bettina Wackernagel – direttrice artistico di Heroines of Sound Festival – se fossi interessata a comporre un brano utilizzando il Synthi 100 di Radio Belgrado; Svetlana Maras – al tempo a capo dell’Electronic Music Studio della radio – era in contatto con lei e insieme stavano cercando un’artista da invitare per una residenza a Belgrado… E così Bettina me lo ha chiesto e io ho detto “Sì, perché no”, visto che – ovviamente – ero interessata a quella macchina e ho pensato che sarebbe stato entusiasmante: non è facile avere la possibilità di accedere a un Synthi 100 poiché ne esistono solo circa 30 unità in tutto il mondo mondo. Quindi è stata un'ottima opportunità per me per poter esplorare questa macchina vintage.



J. M. - L'EMS Synthi 100 sembra un dispositivo molto intimidatorio: 12 oscillatori, 8 filtri, due tastiere monofoniche e un sequencer... Qual è stato il tuo punto di partenza e come ti sei avvicinata a questo mitico strumento musicale?


M. H. - Ovviamente non è stato tutto facile, perché è una macchina enorme, come avrai visto anche tu... Ma Svetlana mi ha dato un'introduzione meravigliosa e chiara su come funziona; sono rimasta a Belgrado per una settimana e i primi due giorni sono stati quasi interamente dedicati all'apprendimento. Ad un certo punto mi sono resa conto che l'intera macchina funziona in modo abbastanza semplice, se capisci come funziona il routing. Certo, ho fatto degli errori, ma è così che impari questo tipo di strumenti, è una dinamica che funziona per tentativi ed errori. Mi sono divertita molto con gli oscillatori e i filtri, dato che potevo sempre avere una risposta immediata rispetto a quello che facevo ottenendo suoni molto inaspettati, ma in senso positivo: non sai mai davvero cosa può uscirne fuori… Quindi è stato molto emozionante. Dato che il mio tempo era limitato, non ho avuto occasione di imparare a usare la parte del sequencer, quindi non l'ho usata, ma oscillatori e filtri e alcune altre funzioni come il noise o i randomizzatori erano già abbastanza stimolanti per passare il resto dei pochi giorni... Quindi ho registrato i suoni che mi interessavano di più e li ho portati con me a Berlino; questi campioni sono stati poi mixati in un lungo brano musicale. È così che ho realizzato la mia Distant Symphony, e ne sono molto felice.


J. M. - Nel processo di creazione della musica, hai sperimentato sfide compositive o difficoltà tecniche direttamente legate alla particolarità delle macchine?


M. H. - A volte sì, capita, specialmente quando mi confronto con dispositivi insoliti come il Synthi 100 che non ho mai usato prima. All'inizio devo sempre lottare per capire come funzionano e questo è piuttosto frustrante... Ma penso che sia anche una buona cosa perché a volte sento che posso fare qualcosa di più ricco se ci sono delle restrizioni… penso che Distant Symphony sia un esempio di questo tipo di esperienza: sono sicura di non aver imparato tutto sul Synthi 100 - non ho usato nessuna parte del sequencer - ma comunque sono molto contenta di quello che fatto, perché ero assolutamente concentrata su quel che sapevo fare e su ciò che stavo suonando. Penso che a volte le limitazioni aiutino a trarre ispirazione o a realizzare alcune opere artistiche.


J. M. - Negli ambiti della musica elettronica, è bello vedere che i limiti possono essere trasformati in potenti strumenti di ispirazione e creazione: incidenti ed errori a volte possono risolvere problemi compositivi...


M. H. - Sì, a volte accadono miracoli quando non sai tutto… Certo, se impari di più su tutte le funzioni hai più possibilità e più scelte, quindi può fare la differenza… ma a volte ti perdi e non sai più quello che vuoi fare, quindi c'è sempre un lato negativo e un lato positivo.



Eliane Radigue, partitura per Chry-ptus, New York 1971. Fonte: http://evensfoundation.be/prizes/arts/eliane-radigue

J. M. - A Heroines of Sound hai presentato anche una composizione scritta per il Synthesizer Trio Lange / Berweck / Lorenz: Forests and Tides… Qual è la metodologia che adotti per scrivere spartiti per la musica elettronica? Ho sempre trovato questo aspetto molto intrigante e affascinante... è difficile trovare un modo per inserire i nuovi media nei modi tradizionali di scrivere le partiture...



M. H. - È stato piuttosto impegnativo all'inizio, perché era la prima volta che componevo per qualcun altro, quindi mi ci è voluto del tempo per farmi un'idea corretta di come avrei potuto farlo. Per lo più, registro tutta la mia musica da sola, tranne quando collaboro con qualcuno, e anche quando faccio una collaborazione condivido solo file audio nella maggior parte dei casi e non ho davvero bisogno di scrivere spartiti... La maggior parte dei compositori proviene dal mondo della musica contemporanea accademica... ma io non vengo proprio da lì, quindi mi ci è voluto un po' di tempo per pensare a come trasmettere il brano; quello che ho fatto è stato suonare la tastiera via software, un normale metodo di musica elettronica: suoni la tastiera e crei stratificazioni sonore, armonie, melodie e tutta la struttura... poi, con il segnale in MIDI, puoi ottenere lo spartito dal software, così ho stampato gli spartiti ma… non so se hai mai fatto questa esperienza: una volta ottenuti gli spartiti via MIDI sembra tutto confuso! Quindi ho dovuto sistemare tutte le 15 pagine degli spartiti, per dare più senso: ho aggiunto altri testi sulle le dimensioni, che tipo di suoni voglio che si usino in ogni parte, bassi o qualcosa del genere... suoni spaziali. Forse la partitura sembra ancora una partitura classica, ma con più elementi di improvvisazione. È stato impegnativo ma ha funzionato.


J. M. - E così, è una partitura che può essere eseguita con qualsiasi sintetizzatore, voglio dire, se voglio suonare la tua partitura posso farlo con un modello Moog o un Korg...


M. H. - Si, puoi farlo. Ho parlato con Sebastian, il quale mi ha detto che sarebbe stato meglio non specificare i modelli di sintetizzatore perché alcuni sintetizzatori a volte non vengono più prodotti e a volte non si hanno a disposizione quindi… è meglio generalizzare. Ho cercato di concentrarmi maggiormente sul tipo di suoni in modo che i musicisti possano avere più libertà nella scelta, e penso che così sia più interessante anche per loro.


J. M. - Quindi il musicista ha più libertà e può decidere quale tipo di dispositivo o suono è più in risonanza con la sua identità mentre interpreta la tua musica...


M. H. - Sì, e credo che questo faccia una grande differenza, perché magari quando suoneranno questo pezzo tra 10 anni potrà essere ancor più diverso. Penso che anche questo sia molto interessante...



J. M. - Con il tuo progetto solista MimiCof, hai avuto l'opportunità di lavorare in un altro famoso Electronic Music Studio: quello di Stoccolma, dove hai potuto utilizzare un sistema Buchla. Puoi raccontarci qualcosa di quell'esperienza?


M. H. - Sono venuta a conoscenza dell’EMS Studio di Stoccolma perché molti altri amici artisti c'erano già stati e mi hanno detto quanto fosse stato fantastico... Quindi, ovviamente, mi sono interessata e ho fatto domanda per rimanere lì una settimana o due e vivere lo studio. Ci sono andato nel 2015, quindi già 6 anni fa, e all'epoca non avevo ancora in mente di fare un album da sola da cima a fondo... ero solo curiosa di vedere come funziona un Buchla dato che al tempo non usavo sistemi analogici. L’EMS ha 6 o 7 tipi di studi con impostazioni diverse: uno ha questo sintetizzatore Buchla, un altro ha un Serge Modular System che non ho usato, uno ha un sistema surround per artisti che vogliono creare installazioni, un altro è stereo ma ha altoparlanti eccellenti e puoi ottenere suoni davvero più densi... Ho provato diversi tipi di studio, per quanto possibile, quindi è stato molto stimolante. Le persone lì sono molto di supporto e competenti. È stata un'esperienza davvero fruttuosa e ho avuto la possibilità di usare un Buchla, dal quale ho preso ispirazione… Ma ovviamente è un sistema complicato, è più complicato del Synthi 100, perché devi imparare a cablare tutto... È stato stimolante e mi sembrava di suonare di nuovo davvero uno strumento: fino ad allora usavo sempre e solo il computer, che era piuttosto noioso... Dato che avevo una formazione classica - ho studiato il pianoforte – a volte mi sentivo mancare il tocco fisico sullo strumento; con il Buchla sentivo che stavo tornando a quella sensazione, questa volta non con il pianoforte ma con un modulare.


J. M. - Hai sperimentato due sintetizzatori da sogno: credo che ogni musicista elettronico abbia sognato almeno una volta di suonare un giorno un meraviglioso sistema Buchla o un dispositivo EMS...


M. H. - Sì, ne ho tratto beneficio e sono davvero molto grata di aver avuto la possibilità di fare queste esperienze.


J. M. - Sei nata in Giappone, un paese famoso per il suo NHK Electronic Music Studio. Qual è la narrativa delle donne pioniere della musica elettronica nel tuo paese natale? Sono studiate, celebrate, ricordate?


M. H. - Sfortunatamente, non ho molta familiarità con le donne pioniere della musica elettronica in Giappone. Ci sono ancora alcune compositrici elettroniche come Phew, suona modulari uniti a performance vocale, è fantastica: l'ho vista suonare un paio di volte prima della pandemia, a Berlino un paio di anni fa, all'Ausland... il posto era pieno, era appena prima dell'arrivo del Corona virus, e mi è davvero piaciuta la sua esibizione; è molto conosciuta nella scena della musica noise ma anche nella musica contemporanea… ha appena pubblicato il suo nuovo album su Mute records, davvero sorprendente.



J. M. - Wow, non la conoscevo, grazie per il suggerimento!


M. H. - C'è anche un’altra musicista, si chiama Ikue Mori, suona musica molto d'avanguardia.. Anche lei è degli anni '70 o '80. E poi Sachiko M, è molto focalizzata sulle onde sinusoidali, è piuttosto minimalista ma ha un bel suono, mi piace la sua musica... Quindi ci sono ancora alcune donne pioniere.


J. M. - E oggi? Cosa ne pensi delle questioni di genere nella musica elettronica? Pensi che abbiamo ancora un problema con la rappresentazione di genere?


M. H. - Sì, sì, penso che ci siano ancora problemi ma penso che in un certo senso l’argomento si stia ancora sviluppando... sento che molte persone continuano a fare sensibilizzazione su questo problema. Sta migliorando, ma potrebbe essere... ancora meglio! Dobbiamo continuare così.



J. M. - Beh, speriamo di continuare a migliorare! E tu? Come ti sei avvicinata alla produzione di musica elettronica?


M. H. - Tutto ha avuto inizio molto tempo fa, intorno al 2001, quando ho terminato i miei studi. Come ho detto, ho studiato musica classica e alla fine la trovavo un po' noiosa, volevo fare qualcos'altro, ma sempre musica... Sono stata assunta da Music Studio che si occupava di musica per pubblicità a Tokyo; mi sono trasferito da Kyoto a Tokyo per lavorare lì e lì ho imparato a fare musica con varie apparecchiature e software... lavoravo come assistente di studio e a volte creavo delle suonerie per telefoni cellulari... ancora prima dei tempi degli smartphone, quindi le suonerie erano abbastanza semplici: bisognava fare 3 o 16 layer, dipendeva dal modello… dovevo sempre copiare la musica pop giapponese, nelle melodie, nelle linee di basso, roba armonica… e poi unire il tutto in 16 layer. Voglio dire, non è stato interessante, ma è stato comunque bello imparare come funziona tutto, specialmente le funzioni midi e anche la registrazione dell'audio... Quindi ho imparato molto sulla musica elettronica all'epoca. Alla fine, ovviamente, lavorare lì risultava molto faticoso: tutto ciò che facevamo era musica per spot, facevo musica per qualcun altro, solo per fare soldi. A quel tempo ero piuttosto giovane e mi ero stufata... Così ho lasciato il lavoro per cercare di fare la mia musica, la mia strada artistica… è così che ho iniziato a fare la mia musica. Faccio ancora musica pubblicitaria adesso, ma non lo faccio spesso e va bene così.


J. M. - Allora adesso ti stai godendo la tua creatività!


M. H. - Sì, sono passati 20 anni da quando ho iniziato, quindi una lunga strada da percorrere!



J. M. - Quali sono i tuoi progetti futuri?


Nei prossimi mesi non lo so ancora davvero, sai, al momento le cose qui in Germania stanno diventando di nuovo più oscure, quindi non ho nessun concerto in programma al momento... Ma ho in programma di pubblicare la mia Distant Symphony come album, un LP, che uscirà a maggio del prossimo anno per un'etichetta berlinese, Karlrecords. Il vinile è pronto e in produzione, io e l'etichetta ci stiamo preparando per questo, che è molto eccitante e non vedo l'ora di presentarlo. In realtà ho composto altre due tracce per Distant Symphony: dopo che la prima era stata presentata in anteprima a Heroines of Sounds volevo pubblicarla in qualche modo… ma era ancora troppo breve per fare un album, quindi ho composto altre due tracce con lo stesso metodo: tutto è realizzato con il Synthi 100.



>> Vai al podcast: ascolta l'intervista e gli estratti da Distant Symphony e Forests and Tides


Segui Midori Hirano:


midorihirano.com

soundcloud.com/midorihirano

midorih.bandcamp.com/music


 


Non perdere i numeri #1 e #3 della trilogia "From Belgrade to Berlin", parte di

Brevi Storie • EMS Series:


Ep. # 1 Svetlana Maras, l'EMS di Radio Belgrado e il Synthi 100

Ep. # 3 Bettina Wackernagel e Heroines of Sound Festival


Approfondisci questa storia su musicaelettronica.it


82 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page