Svetlana Maraš, Radio Belgrado e il Synthi 100 pt. 2

Aggiornamento: 28 dic 2021


Non hai letto la prima parte dell'intervista? Clicca qui >>>


J. M. - Quindi quando sei arrivata all'Electronic Music Studio di Radio Belgrado, il Synthi 100 non funzionava più...


S. M. - Non ha funzionato per… penso forse più di 10 anni. Era rotto e praticamente nessuno osava usarlo. Credo che le persone alla radio lo vedessero come una reliquia, uno strumento molto prezioso con cui avevano paura di interagire... ed è per questo che stava lì nella polvere. So che molte persone dall'esterno venivano in studio solo per vedere lo strumento, anche senza il suono, solo per vedere che aspetto aveva... Non ha fatto un solo rumore per molti anni, povero Synthi! Quando sono stata invitata lì, nel 2016, ovviamente ho capito che per me c’era un solo obiettivo da raggiungere: far funzionare il Synthi… Ed è successo tutto molto velocemente: ho trovato un team di esperti che conoscevano molto bene questo strumento e che sono stati in grado di ripararlo velocemente e di riportarlo alla piena funzionalità... Ed è così che anche l’Electronic Music Studio ha ripreso a funzionare. Hai chiesto dell'altra attrezzatura: durante gli anni '80 allo Studio hanno acquisito alcuni sintetizzatori Yamaha, apparecchiature MIDI ecc… Ma io volevo che fosse il Synthi ad essere nuovamente al centro delle attività dello Studio e volevo utilizzarlo in modo più contemporaneo; come accennato all'inizio, questo strumento doveva essere una workstation: vieni, suoni, registri, editi... una specie di DAW, come un software... Con il mio team alla Radio, quello che in realtà volevamo fare era utilizzare questo sintetizzatore come strumento per la performance dal vivo. Qualcosa molto inerente alla musica elettronica è la necessità di essere dal vivo... avevamo l'infrastruttura alla radio per farlo, quindi siamo stati in grado di trasmettere in diretta dei concerti per Synthi dallo studio al 3° programma di Radio di Belgrado. Vedo questo come il più grande e più interessante risultato: portare il Synthi in un contesto più contemporaneo.





J. M. - A volte queste macchine importanti sono considerate come pezzi da museo, e capita che il tuo atteggiamento e i tuoi sentimenti verso questi strumenti suonino come "Oh, mio ​​Dio, no! Non posso toccarli perché sono pezzi di storia!"... non ti senti a tuo agio… Personalmente mi sono trovata in questa situazione quando ho incontrato per la prima volta un VCS3: avevo assolutamente paura, non volevo toccare niente, neanche un pin, perché per me era come…sai… era LA storia!


S. M. - Sì, è vero… può anche essere che questo atteggiamento derivi dall'eredità della musica elettronica che ha quest’aura elitista... Il Synthi non era proprio pensato per tutti, sfortunatamente... Abbiamo anche cercato di aggirare questo atteggiamento nello studio di Radio Belgrado: avevamo molti studenti che venivano lì per imparare a suonare con il Synthi. Questo è stato l'approccio che abbiamo cercato: azzerare questa paura di usare lo strumento.



J. M. - Durante il periodo della tua direzione artistica dello Studio, hai organizzato programmi educativi per artisti locali e sessioni introduttive con l’EMS Synthi 100. Hai quindi visto molte persone avvicinarsi a questa tecnologia musicale mitologica: quali sono state le reazioni emotive o le frustrazioni più comuni davanti alla complessità di questo enorme strumento?


S. M. - Vedi, forse il Synthi non è facile da usare ma… ti assicuro che è molto gratificante, è sorprendentemente gratificante: quando inizi ad usarlo, il tipo di effetti che puoi ottenere sono immensi e sono sicura che questo sia piaciuto moltissimo a chiunque ci abbia lavorato. Una delle cose molto comuni che ho riscontrato è stata che le persone arrivavano con in mente qualcosa che avrebbero voluto fare… E io dovevo dissuadere tutti, perché quando impari come funziona lo strumento capisci che devi semplicemente abbandonare le tue idee, perché il modo di lavorarci non è qualcosa che la maggior parte delle persone ha sperimentato... Per lavorare con il Synthi, prima devi sviluppare una certa mentalità capace di allinearsi alle peculiarità dello strumento… non puoi anticipare molte delle cose che accadono. Il Synthi è molto mutevole, molto dinamico: non puoi contare su risultati assolutamente precisi; puoi ottenerli, ovviamente, e in vari modi, ma c'è sempre un’irregolarità con cui devi confrontarti.


J. M. - ...l'esperienza dello strumento crea nella tua mente una nuova idea di musica...


S. M. - Questo è assolutamente vero per il Synthi. È anche uno strumento molto tangibile e fisico… Il fatto che sia così grande genera un modo molto speciale di ascoltare... sai, stare in piedi davanti alla macchina, muoverti tra questi due altoparlanti e, mentre ti muovi per cambiare i valori, cercare anche punti nello spazio dove l’ascolto è migliore... È un'esperienza molto fisica e tangibile, e devo dire, un'esperienza molto piacevole.





J. M. - Dal 2018 al 2019 hai organizzato la digitalizzazione dell'archivio audio di Radio Belgrado: grazie al tuo impegno, un numero enorme di nastri magnetici posseduti dallo studio sono ora catalogati, etichettati e salvati in condizioni ottimali. Puoi dirci qualcosa su questi materiali sonori?


S. M. - Ci sono state due uscite discografiche molto famose, due dischi usciti negli anni '70, dei lavori che sono stati fatti in Studio. Ciò significa che eravamo già a conoscenza della maggior parte delle opere che abbiamo messo in ordine: alcune di queste erano state trasmesse anche alla radio, altre erano già state salvate dai loro stessi creatori che ne avevano registrato diverse versioni, qualche volta anche digitalizzate. Ma c'erano anche alcune registrazioni molto rare e quei nastri erano davvero in pessime condizioni: quando ero allo Studio i nastri erano ovunque e non c'era davvero alcun ordine o note sui contenuti. Su alcuni nastri c'erano opere finte, in altri – che sono poi quelli che trovo particolarmente interessanti – c'erano prove, versioni da lavoro e alcuni estratti, così come musica di sottofondo utilizzata per i jingle radiofonici... essendo parte della radio, lo Studio doveva fornire anche quelle cose. La cosa interessante è che – anche a causa di condizioni di archiviazione forse non proprio perfette – tutti questi nastri hanno una qualità del suono particolare. Devo dire che non abbiamo potuto digitalizzarli benissimo, abbiamo fatto del nostro meglio, con i mezzi a nostra disposizione, in modi abbastanza alternativi: io ho portato una scheda audio e uno studente che lavorava lì con me ha trasferito il tutto in un computer… ma comunque, penso che per ora quei materiali siano al sicuro. Possono essere ascoltati e usati… infatti li abbiamo impiegati in un paio di progetti, nel senso che la registrazione stessa è diventata materiale per altri lavori o ispirazione per qualche riesecuzione di questi lavori. Penso che salvarli sia stato importante.



J. M. - Purtroppo capita che alcune istituzioni non si prendano abbastanza cura dei loro nastri magnetici e di tutte queste cose considerate alla stregua di inutili relitti… lì in mezzo, invece, potrebbero esserci tracce di importanti di artisti e opere più o meno note... Ad esempio, molte donne coinvolte nella storia della musica elettronica sono state ora riscoperte ma è questa una storia incompleta, che deve ancora essere costruita… Le tracce magnetiche sono quindi fattori fondamentali per la ricostruzione storica. A tal proposito, durante le mie ricerche non ho avuto occasione di trovare nomi di donne serbe o jugoslave pioniere della musica elettronica o elettroacustica, quindi chiedo a te...


Dici bene, ciò che si può trovare nei nastri potrebbe essere rilevante ed è stato rilevante per noi, perché abbiamo trovato delle registrazioni di Katalin Ladik, che è diventata un'artista di spicco solo in tempi davvero recenti - da 10 o 15 anni - ma che in realtà è stata una pioniera della poesia sonora jugoslava... il suo contributo all'avvio di questo ambito espressivo in Jugoslavia è stato incredibilmente importante. Abbiamo trovato uno dei suoi nastri e ci siamo messi in contatto con lei; le abbiamo chiesto cos'era: era qualcosa che aveva registrato nel nostro studio? Si è scoperto che non lo era, l'aveva registrato altrove e poi regalato al compositore che all'epoca era responsabile dello studio. Allora abbiamo pensato di invitare Katalin Ladik a lavorare da noi; sono stata davvero fortunata, perché abbiamo prodotto assieme due brani durante la sua residenza. Ho anche fatto due chiacchiere con lei e le ho chiesto cosa facesse negli anni '70, quando era da noi in studio. Mi ha raccontato che al tempo allo studio c'era un compositore principale e un paio di studenti intorno a lui; questo mostrava cose al sintetizzatore e lei ha assistito alla dimostrazione – alle sue spalle – per circa 10 minuti, solo per vedere cosa stava facendo... Penso che questo descriva una situazione assolutamente ingiusta e che sia una rappresentazione di questa mancanza di uguaglianza e di accessibilità per tutti, specialmente per le donne nella prima musica elettronica.

In uno dei dischi pubblicati dallo Studio puoi trovare un unico pezzo di una compositrice: si chiamava Ludmila Frajt e ha lavorato in studio per realizzare un brano chiamato Nokturno. Per rendere omaggio a questo bellissimo brano musicale, abbiamo realizzato un progetto chiamato Pioneers of Sounds dedicato alle donne pioniere della musica elettronica in cui abbiamo reinterpretato questo lavoro con un ensemble e l'abbiamo suonato a Radio Belgrado; lo abbiamo trasmesso e registrato; Rehinard dell'ensemble Zeitkratzer ha fatto questa versione modificata che abbiamo suonato tutti insieme per celebrare questo lavoro di Ludmila Frajt, Nokturno.




J. M. Parlando di oggi, cosa pensi delle questioni di genere nella scena della musica elettronica, senti che c'è ancora una mancanza di rappresentanza delle donne e delle minoranze di genere o hai la sensazione che ora le cose stiano migliorando?


S. M. - Beh, è ​​davvero difficile da dire ed è davvero difficile generalizzare… forse avremmo bisogno di un podcast intero per questo argomento, perché se vuoi cercare la sorgente della disuguaglianza, devi dare anche uno sguardo a molti problemi sociali ed economici. Penso che ci sia ancora molto lavoro da fare per rendere questo campo della musica accessibile e confortevole per tutti. Possiamo dire che sono stati fatti dei passi, dei passi davvero importanti, ci sono tanti attori che stanno contribuendo a questo, ma se si guarda non solo alle persone che si esibiscono dal vivo, ma anche alle persone che si dedicano all’elettronica come professione, io penso che tutto sia significativamente meno: non solo meno donne, ma molte meno minoranze in generale.



>> Vai al podcast: ascolta l'intervista integrale



Segui Svetlana Maraš:


svetlanamaras.com

svetlanamaras.bandcamp.com

soundcloud.com/svetlanamaras


 

Non perdere i numeri #2 e #3 della trilogia "From Belgrade to Berlin", parte di


Brevi Storie • EMS Series:


Ep. # 2 La Musica di Midori Hirano

Ep. # 3 Bettina Wackernagel & Heroines of Sound Festival


Approfondisci questa storia su musicaelettronica.it






9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti